Diamo voce alle emozioni con Poesia e Musica

Progetto di plesso “Diamo voce alle emozioni” – classi quarte A e B

“La maggior parte delle poesie sono musica silenziosa, in attesa di un’esecuzione vocale: da inventare, da sperimentare insieme.

Chiara Carminati, Perlaparola

Quest’anno volevamo imparare a leggere con espressività, interpretare i testi per comprenderne meglio il significato. Abbiamo iniziato dalle singole parole per scoprire che per produrre senso si debba utilizzare anche la componente significante della parola, “la sua corposità fonica e grafica e venga sottoposta a processi di espansione fonica e di orchestrazione ritmica. […] Ed il percorso nel significante rinvia al senso, perché il ritmo, in poesia, si fa storia e origine di storie; ed il percorso nel senso ritorna al ritmo, perché in poesia, il senso è musica.” (da Leggere la poesia” di F. Frasnedi e L. Poli). Così abbiamo cercato le parole delle nostre esperienze, le abbiamo trasformate in poesia e recitate cercando di esprimere le emozioni che suscitavano i noi; poi abbiamo letto poesie sulla poesia, ne abbiamo scelte due e con l’aiuto del maestro Davide Stecca le abbiamo interpretate con la Voce e con il Corpo.

Da due anni lavoriamo con il maestro Davide che, attraverso il suo metodo RCVE, ci ha fatto conoscere e sperimentare i concetti di suono e ritmo. Con questo progetto abbiamo provato a mettere in pratica quanto appreso negli anni precedenti e lo abbiamo fatto in un percorso interdisciplinare unendo Musica&Poesia. In questa breve presentazione si trova riassunto il senso del nostro lavoro.

Precedente Aspettando il Natale: due originali calendari dell'avvento Successivo Padlet. Una bacheca per documentare e condividere